Valutazione del rischio perdita incentivo GSE

Uno dei falsi miti che abbiamo riscontrato è quello di crogiolarsi nella sicurezza che per l’impianto è stato stipulato un contratto chiavi in mano.

Non si vuole accusare nessuno per la mancanza di professionalità o know how tecnico/burocratico, ma molto spesso, e soprattutto in un settore così specifico e di nicchia, ci si è trovati di fronte a situazioni difficili da gestire.

Nemmeno i professionisti più affermati sono stati in grado di escludere anche un minimo errore. Pensiamo soltanto al continuo cambiamento normativo e alle norme non sempre di facile interpretazione, che possono aver causato una non comunicazione o una comunicazione errata al GSE.

Come abbiamo visto in un articolo precedente, inoltre, facendo riferimento all’utilizzo di pannelli contraffatti o senza le dovute certificazioni, è stato anche difficile affidarsi a fornitori ritenuti affidabili.

Ma poi in definitiva, siamo sicuri che il nostro “chiavi in mani” non sia in realtà stato sub-appaltato in fase di iter autorizzativo, progettazione, installazione o richiesta di accesso all’incentivo (magari con la maggiorazione)?

Commenta l’articolo con la tua esperienza

Qual è la vostra esperienza? Ci farebbe ricevere i vostri commenti per avere la vostra opinione e valutare insieme il vostro livello di rischio in base alla nostra esperienza.

 

Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *