I controlli GSE 2015: in aumento gli esiti negativi

In continuità con l’attività di verifica del 2014, i controlli GSE 2015 sono stati ulteriormente rafforzati. Ma questo c’era da aspettarselo, tenendo sempre in mente il Decreto Controlli del 2014.
Nel 2015, infatti, i controlli sono stati 3.464, di cui 2.290 con sopralluogo e 1.174 documentali.

I controlli GSE 2015 sugli impianti fotovoltaici

Il settore fotovoltaico, come sempre, è stato quello più colpito.
Nel 2015, infatti, sono stati 2.919 gli impianti fotovoltaici controllati, per una potenza complessiva pari a 675 MW.

Se i controlli in numero sono diminuiti di poche centinaia, il dato preoccupante è che nel 2015 il GSE ha concentrato gli sforzi sugli impianti più grandi. La potenza totale controllata è infatti passata da 568 MW del 2014 a 675 MW del 2015.

Ma il dato ancor più preoccupante, riguarda gli esiti di questi controlli.

Se nel 2014 sono stati 183 i procedimenti conclusi dal GSE con esito negativo, nel 2015 i procedimenti conclusi con la revoca dell’incentivo o la rideterminazione dello stesso sono aumentati del 55%, per un valore pari a 284.Controlli GSE 2015: procedimenti con esito negativo e violazioni accertate

Aumentati gli importi indebitamente percepiti

L’alto numero di procedimenti conclusi con esito negativo del 2015, ha portato ad un totale di importi indebitamente percepiti pari a 40,9 milioni di euro.
Un aumento vertiginoso rispetto al dato del 2014: stiamo parlando del 141% di aumento!
Questo comporta il recupero delle somme già erogate, ed è correlato ad un minor esborso per il periodo residuo di incentivazione.

Come riportato nel “Rapporto 2015 delle attività del Gestore dei Servizi Energetici” il GSE trasmetterà al Ministero dello sviluppo economico un rapporto sugli esiti delle attività di verifica svolte nell’anno 2015 che, oltre a descrivere in dettaglio le fasi caratteristiche dei controlli effettuati, rappresenta gli esiti dei procedimenti conclusi. Ad oggi questo rapporto non è ancora stato reso pubblico.

Restiamo in attesa di ulteriori dettagli per approfondire i dati sopra riportati.

>> Leggi l’articolo riguardante i controlli GSE 2014 <<

Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *