Il GSE identifica gli SSPC: arrivate le prime comunicazioni

qualifica SSPC

L’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA), con la deliberazione 276/2017/R/eel, ha previsto che il GSE implementi una procedura per l’identificazione degli Altri Sistemi Semplici di Produzione e Consumo (ASSPC), già in esercizio alla data del 30 aprile 2017, per i quali non è stata presentata alcuna richiesta di qualifica.

Il GSE ha così effettuato un censimento che ha portato all’individuazione di circa 105.400 nuovi sistemi semplici di produzione e consumo connessi in bassa, media e alta tensione con potenza fino a 20 kW.

L’obiettivo era anche quello di identificare i cosiddetti clienti “nascosti”, cioè coloro a cui è attribuita un’unità di consumo ma che sono privi di un proprio punto di connessione su rete pubblica o su rete privata in quanto condividono un POD con altri clienti finali, e che non rientrano nelle configurazioni per le quali ciò è consentito.

La comunicazione per l’identificazione e le classificazione degli SSPC

Negli ultimi mesi il GSE ha inviato una comunicazione, tramite posta certificata, ai produttori e ai clienti finali dei sistemi censiti con delle istruzioni utili alla trasmissione della richiesta di riconoscimento del sistema come SSPC.

La comunicazione è indirizzata a:

  • produttori e clienti finali connessi alla rete elettrica, entro il 30 aprile 2017, in media o alta tensione con potenza superiore ai 20 kWp operanti in cessione parziale (autoconsumo) con convenzione RID o vendita sul mercato libero, o in cessione parziale (autoconsumo) con 5° Conto Energia;
  • cogeneratori con qualifica CAR che non usufruiscono dello scambio sul posto.

La procedura per la qualifica SSPC

Le tempistiche per la presentazione della domanda varia da soggetto a soggetto, in base alla ricezione della comunicazione . Le richieste di riconoscimento andranno inviate esclusivamente per via telematica tramite l’apposito Portale informatico “SPC – Sistemi di Produzione e Consumo”, disponibile nell’Area Clienti GSE.

I clienti finali devono però avere determinati requisiti ed essere in possesso di tutta una serie di documenti coerenti con altri portali comunicanti con il GSE, quali Terna-Gaudì e il distributore di rete.

Nelle prossime settimane approfondiremo i singoli requisiti per poter correre ai ripari e mettersi in regola prima che sia troppo tardi.

Scriveteci di seguito se avete già ricevuto la comunicazione dal GSE o se ritenete di avere i pre-requisiti per la qualifica SSPC.

Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *